IL FUNZIONAMENTO DEL RESPIRO

pfadmin 25 marzo 2012 0
IL FUNZIONAMENTO DEL RESPIRO

Il respiro è una Funzione fisiologica di fondamentale importanza per la vita, dal momento che ogni cellula del nostro organismo necessita costantemente dell’apporto di Ossigeno per potersi mantenere in vita. Per tale motivo, questa Funzione è controllata da alcuni gruppi neuronali presenti nel bulbo, situati rispettivamente in posizione ventrale e dorsale. I neuroni bulbari dorsali sono responsabili dell’inspirazione e definiscono il ritmo del respiro. La loro attività stimola la contrazione dei muscoli intercostali esterni e del diaframma, aumentando, di conseguenza, il volume della cavità toracica, permettendo all’aria di entrare nei polmoni. Nel respiro forzato i neuroni bulbari dorsali controllano anche l’attività dei muscoli scaleni che, alzando le prime costole toraciche, aumentano il volume della cavità toracica verso l’alto.

L’espirazione, quando il respiro è calmo, avviene in modo spontaneo dal rilassamento dei muscoli sopracitati. Quando il respiro è forzato, invece, intervengono i neuroni bulbari ventrali per accelerare l’espirazione, mediante la contrazione dei muscoli addominali e degli intercostali interni, che riducono il volume della cavità toracica, spostando verso l’alto il diaframma e schiacciando il torace. L’attività dei neuroni bulbari è controllata in modo involontario dal sistema autonomo, limbico e da chemorecettori che segnalano alterazioni del pH, dei livelli di O2 e di CO2 nel sangue. Questo implica che stati emotivi, come la paura o la rabbia che agiscono sul sistema nervoso autonomo (che causa, ad esempio un aumento della frequenza del battito cardiaco) o un non adeguato apporto di Ossigeno, dovuto, ad esempio, ad un intensificarsi dell’attività muscolare o di quella degli organi interni (es. la digestione), influenzano il ritmo respiratorio e la sua modalità, per esempio, mediante un respiro più profondo o uno sbadiglio, o mediante un’accelerazione del ritmo respiratorio.

Dott. Luca Rizzi

Leave A Response »