IL MASSAGGIO DURANTE IL TRAVAGLIO

pfadmin 23 marzo 2012 0
IL MASSAGGIO DURANTE IL TRAVAGLIO

Durante tutto il travaglio il massaggio è un’ottima terapia d’aiuto: oltre ad apportare benefici fisici (favorisce la circolazione, le contrazioni dell’utero e l’eliminazione della placenta), chi massaggia la donna assume un ruolo di sostegno fondamentale che permette alla partoriente di vivere questa esperienza e le fatiche che comporta con minore paura e maggior serenità. Curiosamente in molte società non industrializzate esiste una figura adibita all’aiuto della partoriente. Questa figura, in Grecia, per esempio, è chiamata doula ed è una risorsa importantissima che riduce le complicazioni perinatali: favorisce l’espulsione (avviene in molto meno tempo), evita molti parti cesarei, permette di ridurre le medicazioni del parto e le cure intensive al neonato (Field, 2001).

In uno studio del 1997, Field ha studiato gli effetti del massaggio durante il travaglio su un gruppo di 14 donne che venivano massaggiate dal loro partner rispetto a un gruppo di 14 donne che venivano solo guidate nella respirazione. Le mamme massaggiate hanno avuto dei travagli meno lunghi e dolorosi, una permanenza più breve in ospedale e meno incidenza di depressione post-partum.

Dott.ssa Laura Casetta

 

Bibliografia

Field, T.M., Hernandez-Reif, M., Taylor, S., Quintino, O., and Burman, I. (1997). Labor pain is reduced by massage therapy. Journal of Psychosomatic Obstetrics and Gynecology 18: 286-291.

Field, T. (2001). Touch. The MIT Press, Cambridge, MA.

Leave A Response »