Applicazione dell’intelligenza emotiva: esplorazione della promozione del PATHS

pfadmin 3 febbraio 2013 0
Applicazione dell’intelligenza emotiva: esplorazione della promozione del PATHS

L’articolo descrive un progetto di ricerca collaborativa nella scuola primaria, riguardante l’intelligenza emotiva e sviluppato attraverso l’uso del curriculum PATHS (Kushè & Greenberg, 1994), un approccio che mira alla promozione delle competenze emozionali in bambini e giovani. Questo strumento utilizza un approccio diretto alle emozioni e alla loro gestione, invece di agire direttamente sul comportamento disadattivo che vuole essere migliorato.

Gli obiettivi dello studio sono quelli di esplorare il concetto di intelligenza emotiva in un contesto applicato, utilizzando un intervento con una intera classe scolastica e valutandone l’impatto, come, ad esempio, la capacità degli alunni nella gestione di emozioni difficili, ed esplorare se un intervento indirizzato alle emozioni possa avere un impatto positivo sul comportamento.

La scuola scelta per il progetto ha esperienza nel lavoro sistemico, che risulta efficace per affrontare i problemi e incoraggiare sviluppi positivi nell’ethos scolastico, un aumento delle competenze degli insegnanti e delle conoscenze di base. La scuola ha a disposizione un team multidisciplinare con psicologo educativo, insegnante e collegamento casa-scuola che partecipa attivamente al progetto.

Il curriculum PATHS è stato concepito come un approccio sperimentale per fornire ai bambini sordi un’istruzione relativa ad una varietà di processi coinvolti nell’espressione, comprensione e regolazione delle emozioni. Si basa sul modello ABCD, il modello Affettivo / Comportamentale / Cognitivo / Dinamico dello sviluppo, mettendo al primo posto in ordine di importanza lo sviluppo dell’integrazione degli affetti, il vocabolario delle emozioni e la comprensione cognitiva (Kuscheâ, e Greenberg, 1994).

Questo curriculum cerca di sviluppare un vocabolario delle emozioni più grande, aumenta la capacità di discutere le emozioni e sviluppa la comprensione degli aspetti meta-cognitivi delle emozioni.

Il PATHS è stato utilizzato per un anno, con un totale di 32 lezioni e somministrato ad un’intera classe di 25 alunni.

Sono stati, inoltre, somministrati “The Kusche Affective Interview” KAI (Kusche, Greenberg, & Beikle, 1988) che valuta la comprensione emozionale degli alunni in relazione ad una serie di situazioni e stati affettivi e la Taxonomy of Problematic Situations (Dodge, McClasky, & Feldman, 1985) compilata da insegnanti e personale scolastico che fornisce una lista di controllo.

I risultati indicano che il curriculum PATHS migliora il vocabolario emotivo del gruppo target, aumenta la comprensione di aspetti specifici dell’esperienza emotiva e contribuisce alla comprensione dei processi di gestione del controllo e dell’espressione delle emozioni.

Il punteggio KAI per gli alunni target, prima e dopo le lezioni PATHS, indica forti guadagni nel vocabolario emotivo, nella comprensione di aspetti dell’esperienza emotiva e nella comprensione dei processi di gestione del controllo e dell’espressione delle emozioni. Risultati positivi sul comportamento si sono riscontrati nella Taxonomy of Problematic Situations.

Gli alunni hanno percepito il PATHS molto positivamente. L’hanno trovato piacevole e sono stati in grado di descrivere le strategie imparate per la gestione delle emozioni di base e per la comprensione dell’altro. Gli insegnanti hanno definito il PATHS come un valido approccio, anche preventivo, sia per gli alunni che per loro stessi.

Il progetto avvalora l’idea che i vari aspetti della comprensione emotiva possono essere insegnati a tutti i bambini e che questo ha effetti positivi sia sul personale che sugli alunni e influisce sull’interazione in classe, sul comportamento, sulle relazioni e sull’insegnamento di competenze.

Francesca Masserdotti

Laura Casetta

Bibliografia

Kelly B., Longbottom, J., Potts F. & Williamson J. (2004). Applying Emotional Intelligence:Exploring the Promoting Alternative Thinking Strategies curriculum. Educational Psychology in Practice, 20(3), 221-240.

Leave A Response »