Disturbi vocali dei bambini: 3 motivi per preoccuparci

pfadmin 10 marzo 2019 0
Disturbi vocali dei bambini: 3 motivi per preoccuparci

Come genitore di bambini in età scolare, so che ci sono tante cose di cui preoccuparsi in questi giorni. Da questioni molto serie – come proteggere il bambino da abusi e bullismo – alle ansie quotidiane legate al contenuto del pranzo del bambino, la logistica dei ritiri scolastici e sportivi e aiutare i bambini nello svolgimento dei compiti senza essere sovrastati dai loro capricci.

I disturbi della voce nei bambini sono comuni, anche se sono spesso sottovalutati. La ricerca ci dice che ovunque tra il 6 e il 36% dei bambini hanno disturbi della voce.

Come si riconoscono i segnali di disturbi vocali del bambino?

I segni clinici di un disturbo della voce includono

  • un maggiore sforzo nel parlare, 
  • affaticamento vocale, 
  • una voce affannosa, 
  • una voce insolitamente bassa o alta di tono, 
  • periodi in cui il bambino perde la sua voce, 
  • frequente raucedine e/o tosse nervosa..

 Quali sono i fattori di rischio dei disturbi vocali nel bambino?

I fattori di rischio ambientali e comportamentali noti per un disturbo della voce includono:

  • avere fratelli più grandi, 
  • essere maschi 
  • e trascorrere giornate intere in gruppi numerosi o in luoghi con forte rumore di fondo.
  • L’asma e la tonsillectomia possono anche aumentare il rischio di disturbi della voce.

A questi fattori ambientali e comportamentali si aggiungono quelli psicologici:

  • timidezza e chiusura possono spingere il bambino ad esprimersi con una voce molto debole,
  • l’aggressività e l’iperattività, al contrario, possono portare ad uno sforzo eccessivo con conseguente alterazione vocale fino alla disfonia.

 

Per alcuni genitori, i disturbi della voce a volte possono sembrare una priorità minore rispetto ai bambini che hanno anche problemi con i suoni del parlato, l’acquisizione del linguaggio o la lettura.

 Quindi, perché dovremmo preoccuparci dei disturbi della voce dei bambini?

Ecco 3 motivi:

1-    Sono correlati a problemi di comunicazione. I problemi vocali sono il problema di comunicazione più comune per i bambini e possono avere un effetto importante sui loro risultati, ad es. a scuola o nello sport, e sulla qualità della vita del bambino.

2-    Possono essere legati a disturbi organici. Non tutti i disturbi della voce infantile sono causati da troppe grida e urla. “Abuso vocale” e “fonotrauma” sono modi educati di descrivere il danno che alcuni bambini fanno alle loro corde vocali legati all’essere troppo rumorosi e per troppo tempo. Questo tipo di comportamento può causare noduli: ispessimenti simili a calli sulle corde vocali, che possono rendere la voce più ruvida e più bassa del normale. A volte, tuttavia, i disturbi della voce sono un segno di gravi condizioni mediche come il papilloma che può essere pericoloso per la vita, se non viene rilevato da uno specialista otorinolaringoiatra. Sebbene i comuni disturbi della voce infantile causati da troppe grida e / o noduli spesso si risolvano durante la pubertà, circa il 15-21% dei casi non lo fa; e meno ragazze recuperano naturalmente rispetto ai ragazzi (De Bodt et al., 2007).

3-    Possono comportare esclusione sociale. I bambini con disturbi della voce segnalano comunemente l’esclusione sociale, il timone nella partecipazione alle attività in classe, l’imbarazzo e la frustrazione (Connor et al., 2008).

 

In breve, i disturbi della voce devono essere controllati per escludere gravi problemi di salute e – anche se temporanei – perché hanno un grande impatto sulla partecipazione dei bambini a scuola, in attività extrascolastiche e sulla loro qualità di vita, in generale.

 

Scopri di più sui disturbi vocali in età evolutiva. Partecipa ai nostri seminari gratuiti sulla voce!

Francesca Galvani

Leave A Response »