Effetti dell’intelligenza emotiva sugli adolescenti

  1. HOME
  2. Articoli
  3. Effetti dell’intelligenza emotiva sugli adolescenti
adolescenti intelligenza emotiva

La promozione del benessere mentale a scuola è molto importante in quanto benessere mentale correla con benessere fisico. Molti disturbi psicologici spesso iniziano durante l’adolescenza, come ad esempio uno stato depressivo, problemi nel controllare gli impulsi, disturbi d’ansia, problemi di abuso di sostanze e disordini alimentari. Una delle cause di questi problemi per la salute mentale sta proprio nell’inabilità da parte della persona di controllare e gestire il proprio stato emotivo. È proprio in questo senso che l’uso intelligente delle emozioni è considerato essere abilità fondamentale per un corretto adattamento psicologico. Tale competenza è abitualmente chiamata Intelligenza Emotiva (EI), e viene per l’appunto definita come “la capacità di controllare i sentimenti ed emozioni proprie e altrui, distinguere tra di esse e di utilizzare queste informazioni per guidare i propri pensieri e le proprie azioni. La persona deve inoltre essere in grado di provare diversi tipi di emozioni e/o sentimenti, di esprimerle e di controllarle al fine di promuovere la crescita intellettuale ed emotiva”.

La EI può promuovere la salute mentale in due modi:

  1. A livello intrapersonale (cioè “entro se stessi”), riducendo l’intensità e la frequenza dell’umore negativo provocato dalle avversità di ogni giorno. Protegge dallo stress e mantiene un mood maggiormente positivo; prevenendo così alla depressione e dagli stati ansiosi.
  2. A livello interpersonale (quindi in relazione alle altre persone), è stato dimostrato come adolescenti con alta EI, quindi in grado di percepire e comprendere le emozioni altrui, godevano di maggior supporto sociale e di una maggiore soddisfazione nella relazione sia familiare che con i pari (prevenendo il rischio suicidario).

Studi precedenti avevano mostrato come gli adolescenti con punteggi elevati di EI presentavano: minori problemi a scuola, ma soprattutto un ridotto numero di episodi sia di ansia che di depressione!

La ricerca di Desiree´ Ruiz-Aranda 

In accordo con la Teoria dell’Intelligenza Emotiva, la comprensione delle emozioni e l’abilità di controllo delle medesime, si può sviluppare e migliorare. Desiree´ Ruiz-Aranda e colleghi nel loro studio iproprio voluto vagliare tale ipotesi.

I ricercatori hanno reclutato 479 adolescenti, e li hanno suddivisi in due gruppi: uno sperimentale ed uno di controllo. Il primo partecipava ad un training di intelligenza emotiva della durata di due anni, il secondo invece partecipata ad un training alternativo, che nulla aveva a che vedere con le emozioni, in modo tale da poter poi comparare i risultati dei due gruppi ed evidenziare eventuali differenze pre e post test. Tutti i partecipanti dovevano compilare una serie di test prima dell’inizio della ricerca (valutazione pre-test), al termine di essa (post-test) ed infine a distanza di 6 mesi (follow-up).

I test somministrati furono:

  • Il “Behavior Assessment System for Children and Adolescent”, il quale valutava l’adattamento psicologico, indagando la presenza di eventuali sintomi/segni di: ansia, depressione, comportamento atipico (comportamento immaturo), stress sociale, locus of control esterno, somatizzazione e senso di incapacità;
  • Il “Mental Health Inventory”, che misurava il livello di salute mentale;
  • ed infine il “Positive and Negative Affect Schedule” che indagava la presenza di sentimenti postivi e negativi.

Il training di intelligenza emotiva (INTEMO) consisteva in 24 lezioni, il cui scopo era prevenire i comportamenti aggressivi e disadattivi, promuovendo il benessere psicologico. Il programma era il seguente:

  • Percepire, comprendere ed esprimere le emozioni

Imparare le caratteristiche fisiche delle diverse emozioni attraverso foto, scenari, personaggi e giochi di ruolo

Riconoscere le emozioni in diversi contenuti come giornali e riviste

Sviluppare la capacità di esprimere le emozioni usando nuovi modi di comunicare

Sviluppare la capacità di identificare le emozioni nei volti e abbinare i volti agli scenari

Discutere su situazioni non verbali di situazioni e personaggi diversi

 

  • Facilitazione emotiva del pensiero

Presentazione dell’idea che i sentimenti contano e come possono essere utilizzati in contesti accademici per migliorare i risultati personali

Discutere situazioni reali in cui i sentimenti dovrebbero essere presi in considerazione

Generare stati d’animo positivi e negativi tra gli studenti e successivamente interpretare una poesia, una storia o una situazione reale

Generare stati d’animo positivi e negativi tra gli studenti e successivamente proporre soluzioni a una situazione ipotetica

 

  • Capire ed analizzare le emozioni: usare le conoscenze emotive

Acquisire parole sentimentali attraverso giochi moderni (ad es. Tabù, cruciverba)

Comprendere le emozioni imparando il loro significato, funzioni e utilità

Introdurre capacità empatiche e sensibilizzare sui diversi punti di vista nelle situazioni

Analizzare l’influenza dei pensieri sull’esperienza delle emozioni; rappresentare specifici stati emotivi in ​​una storia e recitazione secondo il sentimento

 

  • Regolazione riflessiva delle emozioni per promuovere la crescita emotiva e intellettuale

Aumentare la capacità di mantenere la calma in diverse situazioni di conflitto

Usare situazioni di conflitto reali della vita di classe quotidiana per discutere di nuovi modi per affrontare i problemi

Creazione di un forum cinematografico per riconoscere, confrontare, riflettere e considerare le interpretazioni dei personaggi

Imparare modi adattivi per gestire le emozioni e creare un forum per discutere le strategie

 

RISULTATI: Effetti del training di intelligenza emotiva sugli adolescenti

I risultati di tale ricerca dimostrarono come tale programma ho indotto un miglioramento della salute mentale degli adolescenti, diminuendo significativamente i fattori di rischio per i disturbi comportamentali negli adolescenti (ansia, depressione, locus of control esterno, senso di incapacità, stress e somatizzazione); e la cosa più sorprendente e importante è che tali effetti positivi si sono mantenuti nel tempo (follow-up di 6 mesi)!!

I programmi di educazione emotiva si sono quindi dimostrati efficaci nel ridurre i comportamenti a rischio e nel promuovere un adattamento positivo ed una maggior salute mentale.

L’intelligenza emotiva:

  • Migliora l’interazione sociale
  • Migliora le abilità di presa di decisione ed un comportamento adeguato
  • Premette di comprendere i processi emotivi (propri e altrui)
  • Permette di sviluppare strategie efficaci per affrontare le situazioni difficili e di tutti i giorni, diminuendo l’ansia e la ruminazione
  • Migliora la qualità di vita sia a livello intrapersonale (maggior senso di competenza, miglior gestione delle proprie emozioni), che interpersonale (aumentando la qualità e la quantità del supporto sociale)

 

IMPLICAZIONI E PROSPETTIVE FUTURE

Sarebbe importante sviluppare corsi di formazione per insegnanti specifici per l’EI; in modo tale da poter ampliare i training a tutte le scuole.

 

Scopri di più sul training di intelligenza emotiva>>

Partecipa al seminario gratuito sulla gestione della rabbia>>

Chiedi una consulenza sulla genitorialità>>

Bibliografia

Desiree´ Ruiz-Aranda et al.,2012.       Short- A Midterm Effects of Emotional Intelligence Training on Adolescent Mental Health.

I nostri Servizi

Per ricevere assistenza o maggiori informazioni

CONTATTACI ORA

Hai bisogno di aiuto e vuoi ricevere una consulenza GRATUITA?

Vai allo
SPORTELLO DI ASCOLTO

Articoli Correlati

Iscriviti alla Newsletter

Menu