La depressione perinatale colpisce 1 donna su 10 e ha effetti a lungo termine sullo sviluppo cognitivo, motorio, sociale del bambino e compromette seriamente la stabilità della coppia. Poche donne sanno cos’è la depressione perinatale e che va curata rivolgendosi ad un professionista. “Passerà…” o “è normale”, si pensa, ma la scienza ha dimostrato che la depressione perinatale è una psicopatologia che può cronicizzarsi e avere ricadute anche serie nel lungo termine.

È quindi importante, per chi lavora nella perinatalità o per chi è vicino ad una neo-mamma, saper individuare i segnali di depressione, senza sottovalutare il problema.

Quali sono i segnali che ci dicono che una mamma è depressa?

•Non guarda, tocca, stimola il proprio bambino – fatica a relazionarsi con lui

•Ha giudizi negativi su di sé o sul proprio bambino, preoccupazioni eccessive sulla propria salute o quella del bambino

•Fisiologicamente mostra segnali di stress: fatica a dormire (o dorme troppo), soffre d’ansia, mangia più o meno del solito, fatica a gestire le emozioni come la rabbia o la tristezza, si sente stanca

•Può mostrare segnali di passività e rallentamento psicomotorio: non guarda negli occhi, fatica a parlare, si muove lentamente

•Anche il suo bambino può sembrare “stressato”, irritabile, difficile da calmare.

La differenza tra un calo dell’umore fisiologico dovuto al parto, chiamato baby blues, e la depressione perinatale, è definita principalmente dalle tempistiche: il baby blues compare subito dopo il parto e dura qualche giorno. La depressione può comparire anche in gravidanza o fino a 3-6 mesi dopo il parto e permane per un lungo periodo, vale a dire per mesi o anni.

Come aiutare le mamme ad affrontare il problema?

1- Parliamone: chiediamo loro come stanno, spiegando cos’è la depressione post-partum e rassicurandole sul fatto che non sono sole e che ci sono delle “soluzioni”.

2- Proponiamo loro di seguire un corso di massaggio neonatale: è dimostrato che il massaggio neonatale sviluppa le capacità relazionali delle mamme con depressione perinatale e migliora la fiducia in se stesse.

3- Suggeriamo loro di fare un colloquio con uno psicoterapeuta che possa sostenerle nella loro fatica. Se le risorse economiche sono basse, possiamo inviarle ad un gruppo di terapia o al distretto socio-sanitario di competenza.

Dott.ssa Laura Casetta

Approfondimenti

Depressione postnatale. Ricerca, prevenzione e strategie di intervento psicologico Copertina flessibile – 19 gen 2004 di Jeannette Milgrom (Autore), Paul R. Martin (Autore), Lisa M. Negri (Autore), R. M. Quatraro (a cura di), P. Grussu (a cura di), S. Banal (Traduttore)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu